IL RISVOLTO NEGATIVO DI INTERNET

Internet sempre più nell’occhio del ciclone: teatro virtuale che alimenta tra i giovani il mito della “celebrità facile” e che in casi estremi diventa addirittura un palcoscenico per il suicidio. L’ultimo caso arriva dall’America. Dopo la vicenda riportata in Gran Bretagna, all’inizio di quest’anno, di sette ragazzi che avevano deciso su Internet di togliersi la vita, dalla contea di Broward, in Florida, giunge un altro macabro episodio di suicidio online Abraham Biggs, un ragazzo di 19 anni, si è ucciso dopo aver lasciato diversi messaggi sul web in cui annunciava il suo gesto e spiegava le modalità.

Ma non solo: il giovane aveva anche invitato gli utenti di un famoso sito di video streaming ad assistere alla sua morte in diretta, filmata con una webcam. Nei giorni scorsi, Biggs aveva lasciato su alcuni forum, tra cui quello del sito bodybuilding.com da lui frequentato con lo pseudonimo “CandyJunkie” (dolce avvelenato), messaggi in cui diceva di sentirsi un fallito e di voler farla finita con una dose letale di medicinali. “Sono innamorato di una ragazza, ma so di non essere all’altezza per lei” aveva aggiunto in un post. In seguito Biggs aveva deciso di andare oltre e di riproporre on line, sul sito Justin.tv che frequentava con il nickname ‘Feels Like Ecstasy’ (é come l’ecstasy), il video della propria morte in diretta.

“Siamo costernati per quello che è successo, il video è stato subito rimosso dal sito” ha dichiarato Michael Seibel, direttore generale di justin.tv. Dopo aver assunto una dose letale di medicinali, Biggs si è disteso sul letto della propria stanza con le spalle alla telecamera e non si è più mosso. Gli oltre 1500 utenti che assistevano alle riprese su internet hanno continuato per diverse ore a lasciare messaggi pieni di insulti (tra cui quelli che lo spronavano a “farlo davvero” pensando ad una messa in scena) finché uno di loro, vedendo Biggs inerme sul letto ormai da ore, ha deciso di avvertire la polizia. Al loro arrivo i soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare la morte del giovane e spegnere la telecamera che ancora trasmetteva immagini, tra cui proprio l’irruzione armata all’interno della stanza da parte dei poliziotti.

Questo articolo rispecchia come internet sia davvero un palcoscenico negativo.La situazione in questione è proprio esagerata, ma c’è chi con internet trova una sua collocazione.

Ci sono i fanatici della rete,i “malati” delle chat, persone che trovano più facile vivere la loro vita dietro uno schermo e non a contatto con le persone ovviamente rinunciando a tutte quelle belle esperienze che si possono fare e che, stando dietro uno schermo a contatto solo con la tastiera, non si faranno mai.

Purtroppo anche questa è diventata una c.d. malattia sociale.

Bisogna fare tutto ma con i dovuti tempi e modi!

CiAo CiAo

IL RISVOLTO NEGATIVO DI INTERNETultima modifica: 2008-11-23T12:01:00+00:00da tonytony12
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “IL RISVOLTO NEGATIVO DI INTERNET

Lascia un commento